GUIDA PRATICA AL PROJECT MANAGEMENT

GUIDA PRATICA AL PROJECT MANAGEMENT

La "GUIDA PRATICA AL PROJECT MANAGEMENT. Cenni su metodologia Agile e certificazioni" è un manuale operativo pensato per tutti i professionisti tecnici che quotidianamente nel corso del loro lavoro si trovano a dover redigere progetti e processi. Non ci stupisce se, quando parliamo di organizzazioni, private o pubbliche, spesso ci troviamo a discutere di progetti e processi e della loro gestione. La differenza principale tra progetti e processi è la presenza di una serie di soggetti, in particolare lo sponsor, il project manager e il team di progetto con ruoli e compiti ben definiti. L’organizzazione viene investita con una attività di comunicazione, interna ed esterna, che rileva anche ai fini della reputazione dell’ente. Un’impresa che comunica progetti fallimentari non sarà, ovviamente, vista come affidabile; un ente pubblico che lancia progetti affetti da fenomeni di corruzione contribuirà in modo negativo alla disponibilità del cittadino a contribuire anche economicamente alle spese comuni in ragione della propria “capacità contributiva”.

Riassumendo, la competenza in termini di gestione dei progetti ha un ruolo centrale per le organizzazioni in quanto:
- il tempo medio in cui le organizzazioni possono beneficiare degli investimenti fatti nello sviluppo di prodotti e servizi, data la riduzione del ciclo di vita dei prodotti, continua a ridursi;
- la varietà dei prodotti è uno dei maggiori strumenti utilizzati dalle imprese per poter applicare un mark up sul prezzo in situazioni di concorrenza, dando vita a modelli che in letteratura sono stati definiti di concorrenza monopolistica;
- le organizzazioni tendono a lavorare sempre più per progetti, a volte anche in modo eccessivo;
- gli errori connessi alle fasi progettuali, difficilmente, possono trovare il tempo necessario per poter essere in seguito recuperati sia per aspetti legati al ciclo di vita del prodotto sia per una limitata marginalità dell’investimento;
- anche le organizzazioni, in qualche modo pubbliche, dimostrano una sempre maggiore tendenza a lavorare per progetti mentre le conseguenze dell’evento pandemico da Covid-19 sembrano spingere l’ambito del settore pubblico ad allargarsi sempre più;
- la tendenza all’espansione di alcuni soggetti economici che sempre più presentano le caratteristiche dei monopoli rende meno semplice la gestione degli approvvigionamenti sia in termini di costi che di sicurezza delle forniture;
- ragionevolmente questa tendenza, anche se fare previsioni per il futuro è sempre piuttosto inutile oltre che complicato, non sembra dare segnali di rallentamento. 
Una rappresentazione statica e ferma delle organizzazioni è, per sua natura, irrealistica e se una lezione può essere tratta dalla situazione economica e sociale che stiamo imparando a conoscere a seguito della pandemia da Covid-19 è proprio che le variazioni nei fondamentali economici, come l’inflazione, rischiano di diventare un aspetto ricorrente e fisso anche al termine dell’evento che ne ha generato gli effetti. Ragionare in termini di progetto, utilizzando quindi una serie di processi, metodi e tecniche ben codificate per produrre valore aggiunto attraverso la creazione di un prodotto, un servizio o la ridefinizione di un processo è forse uno degli strumenti migliori cui possiamo affidarci per gestire ambienti complessi e mercati instabili.

Specifiche

Lun-Ven
9.30-18.30